Progetto di studio del Policlinico Riuniti di Foggia per analizzare l’incidenza delle problematiche psicologiche tra gli adolescenti durante la pandemia da Covid-19

FOGGIA – La Dott.ssa Anna Nunzia Polito, Direttore della Struttura Complessa di Neuropsichiatria Infanzia-Adolescenza e il Prof. Sergio Lo Caputo, Professore associato MED/17 della Struttura Complessa di Malattie Infettive, hanno avviato un progetto di studio per analizzare l’aumentata incidenza delle problematiche psicologiche tra gli adolescenti durante la pandemia da Covid-19 e le eventuali conseguenze.L’obiettivo dello studio è di indagare la presenza di sintomi di natura psicopatologica tra gli adolescenti positivi al Covid-19 in condizione di isolamento e gli adolescenti negativi al Covid-19 in condizione di isolamento fiduciario, a seguito della riscontrata positività di un familiare o di un contatto stretto.La raccolta dati avverrà utilizzando test e questionari psicometrici che indagano nello specifico uno o più ambiti psicopatologici in maniera esclusivamente anonima. La sintesi dei dati si avvarrà di programmi e software statistici. Responsabili del progetto sono la Dott.ssa Anna Nunzia Polito, Direttore della Struttura Complessa di Neuropsichiatria Infanzia-Adolescenza, il Prof. Sergio Lo Caputo, Professore associato MED/17 della Struttura Complessa di Malattie Infettive, il Dirigente medico Dott.ssa Sofia Di Noia e lo psicologo Dott. Aldo Scirano della Struttura Complessa di Neuropsichiatria Infanzia-Adolescenza del Policlinico Riuniti di Foggia.

(Comunicato stampa)